Piano dei Conti Aziendale

Inizio  Indietro  Avanti

Questo programma consente di impostare nel dettaglio le caratteristiche di una singola voce del piano dei conti.

Oltra ad essere accessibile dal menù della procedura — nel qual caso viene richiesta un'azienda ed un esercizio di riferimento per la visualizzazione dei valori contabili — la stessa funzionalità si ha nella gestione del modello del piano dei conti.

In questa variante viene utilizzata la tabella corrispondente al modello del piano dei conti in vigore per l'azienda e l'esercizio selezionati.

 

Il codice del conto è composto dal MASTRO, dal SINTETICO e dal PARTITARIO, secondo una struttura gerarchica. È possibile gestire i raggruppamenti "SINTETICO" lasciando vuota la casella "partitario" durante l'immissione del codice, e del "MASTRO" lasciando vuote sia la casella "partitario" che quella "sintetico".

 

Si ricorda che per alcune tipologie le voci a livello di partitario NON sono presenti in questo archivio. È il caso tipico delle tabelle dei Clienti o dei Fornitori, i cui elementi (specifici per singola azienda) sono mantenuti in archivi separati. Sono tutte le voci che nella corrispondente configurazione del piano dei conti hanno il mastro con barrata la casella "separato".

 

Il codice del MASTRO determina la sezione del piano dei conti nel quale classificare la voce, tra attività, passività, costi, ricavi, conti d'ordine attivi e passivi, e "di riepilogo". Gli intervallo relativi sono definiti nelle impostazioni generali del modello.

 

Le informazioni disponibili sono separate nelle seguenti schede:

 

ANAGRAFICA

 

Consente di impostare la descrizione che identifica la voce del piano dei conti. È disponibile anche una descrizione ridotta che potrà essere impiegata nei casi in cui lo spazio disponibile non sia sufficiente a contenere il testo completo.

 

La data di inserimento è gestita automaticamente dalla procedura.

 

Per molte delle funzioni definite sotto viene eventualmente controllata la definizione sul Partitario, altrimenti sul Sintetico e altrimenti sul Mastro relativo.

 

La ripartizione importi permette di pilotare la distribuzione dei Costi/Ricavi nella registrazione di documenti che hanno una valenza ai fini della gestione Attività e/o della gestione Commesse.

Non definito è l'impostazione di default che indica nessuna scelta effettuata
Non gestito indica che il conto selezionato non è tra quelli considerati nelle gestioni indicate
Fissa indica che la ripartizione di questo conto è in quota fissa per tutti i centri di costo utilizzati
Variabile indica che la ripartizione di questo conto è variabile e quindi richiesta per ogni centro di costo utilizzato
Percentuale indica che il valore del conto viene ripartito percentualmente tra i centri di costo in base alla tabella Conti per Raggruppamenti (Attività)

 

Il Centro di Costo è la tabella dei Centri di Costo (gestione Commesse) associata al conto selezionato. I movimenti contabili verranno registrati nell' archivio dei movimenti su Commessa facendo riferimento al centro di costo indicato.

 

Il Raggruppamento è la tabella dei Raggruppamenti (gestione Attività) associata al conto selezionato. I movimenti contabili verranno registrati nell' archivio dei movimenti su Attività  facendo riferimento al Raggruppamento indicato.

 

Il Sezionale se presente indica che questo conto deve essere rappresentato solo nel bilancio del sezionale selezionato (vedi Bilancio di Verifica e Situazione Economica).

 

Barrando la casella "Controlla che il saldo sia" si attiva la verifica sul saldo del conto durante la registrazione dei movimenti contabili: si deve specificare la condizione di normalità del conto (positivo o negativo), ed il programma avvertirà se durante la registrazione il saldo del conto stesso divenisse non conforme a quanto richiesto. Sarà comunque possibile forzare la registrazione.

 

Abilita la gestione in valuta : funzione attualmente non abilitata.

 

Nelle funzioni di esportazione dati i Valori Normali e Contrari indicano i riferimenti da utilizzare in base al valore del saldo del conto. Tipicamente se il conto ha un saldo "Positivo" e il Controllo Saldo indica che il saldo normale è "Positivo", il conto verrà referenziato con il riferimento indicato in Valori Normali, altrimenti con quello in Valori Contrari. Attualmente questa funzionalità è attivata nell' esportazione per il "Bilancio Sole 24 Ore".

 

Nelle funzioni di importazione dati il campo Import contiene i riferimenti esterni al gestionale SISCOXS® del conto selezionato.  Se indicato un valore, durante la fase di importazione dati il valore referenziato sarà sostituito con il codice del conto corrispondente. Attualmente questa funzionalità è attivata nella registrazione movimenti contabili da "Paghe e Stipendi Zucchetti".

 

La ripartizione dei Costi/Ricavi Generali nella gestione Commesse/Cantieri impone di decidere quali conti si devono considerare e quali no. Nella fase di Bilancio delle Commesse, i conti che avranno l'indicatore posizionato nella scelta Costi vedranno il valore del loro saldo ripartito tra tutte le commesse movimentate nel periodo. Analogamente viene controllato l'indicatore per i Ricavi.

Non definito è l'impostazione di default che indica nessuna scelta effettuata
Non gestito indica che il conto selezionato non è tra quelli da ripartire

 

È possibile indicare se il conto andrà o meno a comporre la base imponibile per il calcolo dell'IRAP e/o dell'IRES barrando le apposite caselle. La predisposizione di default è "SI". Questa impostazione viene controllata durante la compilazione del Bilancio di Verifica.

 

L'indicatore Incassi Professionisti permette di definire la tipologia (ai fini del Registro Incassi) dell'importo del conto selezionato. In base a questo indicatore il valore movimentato con questo conto verrà referenziato nella corrispondete colonna del Registro Incassi. Viene utilizzato anche in tutte le valutazioni necessarie durante le registrazioni contabili nella contabilità dei professionisti (conto Transitorio, ripartizione Incassi, ecc.).

Non definito è l'impostazione di default che indica nessuna scelta effettuata
Non gestito indica che il conto selezionato non è da considerare nella gestione degli Incassi dei Professionisti

 

La selezione Rimanenze permette di considerare il valore di questo conto nei riepiloghi finali dei Bilanci di Verifica alle voci "di cui Rimanenze Iniziali / Finali".

Non gestire, non è un conto di rimanenza
Iniziali, viene riepilogato nelle Rimanenze Iniziali
Finali, viene riepilogato nelle Rimanenze Finali

 

Nel riquadro Ratei e Risconti è possibile indicare alcune linee guida per la gestione eventuale dei Ratei e dei Risconti che coinvolgono il conto in questione. Abilitato solo per costi e ricavi, il selettore consente di specificare se sul conto in questione si deve registrare un rateo oppure un risconto (se attivo o passivo dipende dalla natura del conto stesso), evitando di dover scegliere tra i due in fase di inserimento dei movimenti contabili.

È inoltre possibile specificare un conto patrimoniale di contropartita da inserire all'interno del rateo/risconto in sostituzione di quello presente nelle causali riservate a questo tipo di operazioni.

 

Nel riquadro detraibilità si può specificare se il conto ha una detraibilità totale, parziale o indetraibile ai fini fiscali. Nel caso di detraibilità parziale, se si specifica la percentuale di detraibilità ed il conto detraibile ad esso associato, la gestione delle registrazioni contabili renderà più semplice l'inserimento degli importi, suddividendo l'importo assegnato al conto parzialmente indetraibile in due diversi righi contabili con la suddivisione corretta delle rispettive quote. Un esempio di questa funzionalità è descritto nella pagina del manuale relativa all'imputazione della parte giornale della contabilità.

 

Esistono due riquadri che si rendono visibili solo per alcuni conti. Il primo riguarda il meccanismo di riconciliazione ed è disponibile solo per i mastri:

La funzione di questo indicatore è spiegata nel paragrafo relativo alla visualizzazione degli estratti conto e determina se sul conto deve essere abilitata o meno la riconciliazione.

 

L'altro indicatore si abilita solo per i conti che rientrano nella sezione attività del bilancio e riguarda la concorrenza del saldo del conto alla composizione della disponiblità liquida dell'azienda:

 

Questo indicatore provoca l'inclusione o meno del saldo corrente del conto nel calcolo della disponibilità liquida, utile per l'analisi dei flussi di cassa. Il valore "non definito" comporta l'ereditarietà dell'indicazione dal sintetico o (qualora sia anch'esso non definito) dal mastro di appartenenza del conto. Per questo motivo, la terza opzione è disabilitata per i mastri.

 

VALORI CONTABILI

 

Questa scheda mostra (e consente la variazione) dei saldi mensili e d'esercizio del conto in gestione. È in pratica l'incorporazione della funzionalità disponibile con il programma "Piano dei conti Valorizzato", al quale si rimanda per le spiegazioni.

 

Questa scheda non è disponibile, ovviamente, quando si opera su un modello astratto di piano dei conti invece che in riferimento ad un'azienda.

 

 

CORRISPONDENZE

 

Questa scheda è attiva solo per le aziende in regime IVA di Multiattività ("quater"), e quindi neanche questa è disponibile operando sul modello di piano dei conti.

 

 

© 2005-2018 Multidata S.r.l., Cecina (LI)
Versione 9.0.0 - Ultimo aggiornamento: 07/06/2012
Riferimento: m_gc00